HIDE

Snippets NO!

FALSE

Pages

Header Ad

//

Esiste un modo GIUSTO di apprendere e insegnare? Perché la domanda è sbagliata.

Mi capitava a volte, con alcune persone, di discutere su come sia giusto apprendere e insegnare . Su quale sia il metodo GIUSTO. Come se deb...

Mi capitava a volte, con alcune persone, di discutere su come sia giusto apprendere e insegnare. Su quale sia il metodo GIUSTO. Come se debba esistere uno schema UNICO e corretto. 

In genere prima di partire a rispondere ad una domanda del genere consiglio il buon vecchio consiglio di Immanuel Kant, cioè "prima di valutare se una risposta è esatta si deve valutare se la domanda è corretta".


Perché analizzando il concetto di GIUSTO dobbiamo subito notare che è un concetto DUALE, cioè riduttivo. Il suo contrario è SBAGLIATO, ed esclude terze, quarte, quinte (e così via) possibilità. 

Essendo noi esseri complessi con molteplici modalità di apprendimento legate sia ai nostri sensi dominanti, come vista, udito, cinestesia, che a ciò che abbiamo precedentemente appreso, credere che possa o debba esistere un modo CORRETTO o GIUSTO di insegnare e apprendere è un modo DISTRUTTIVO di analizzare e rappresentare la realtà.

Perché come diceva Paul Watzlawick del Mental Research Institute di Palo Alto, Stanford University: "non esiste cosa più pericolosa nel credere che esista una unica realtà" e spesso aggiungeva "vera la fuori". 

Ricordiamoci sempre che gli uomini in genere non hanno particolari problemi con le realtà oggettive, come il fatto che il rosso sia un colore ben definibile se non siamo daltonici. 

Gli uomini creano da millenni problemi invece sull'interpretazione della realtà, cioè su che significato dare alle "cose". 

Ripeto spesso questo esempio. Per un adulto il significato del colore rosso di un semaforo se ha avuto una educazione in meritò, può essere molto chiaro, ma per un bambino il rosso del semaforo può non avere ancora nessun senso "ATTRIBUITO".

Il paradosso è che mi capitava di discutere su come sia giusto apprendere o insegnare su cose ludiche come il ballo. Quanto ci complichiamo la vita vero? Perché un metodo che può essere efficace per me può non esserlo per un altra persona. 


Approfondimenti su questo argomento:

Malcolm Gladwell, salsa a pezzettoni, gli universali, le variabilità e altre cose simili.

Nessun commento